Mutazioni

Leggete il libro "la stirpe dei licantropi" di Harry Small

LE MUTAZIONI DEI MANNARI

 

E’ molto difficile rintracciare un principio generale da utilizzarsi per spiegare sia il metodo che le tipologie di mutazioni mannare, poiché la razza, nel tempo, ha subito innumerevoli cambiamenti.

Dalla stirpe dei licantropi, che è la stirpe primogenita della razza, l’evoluzione ha portato ad una serie di modificazioni sia nei metodi che nei limiti del processo di mutazione sia nel numero delle possibili mutazioni.

Attualmente si va dalla forma unica, quindi senza possibili mutazioni, di alcuni felidi della stirpe motacj che possiedono esclusivamente una forma ibrida (crinos) ai cinque stadi di mutazione della stirpe khardan.

Inoltre, come accennato, anche i metodi e le limitazioni alla mutazione sono diversi da stirpe a stirpe. Un mannaro, a seconda della stirpe e dell’età, può mutare per volontà, grazie alla concentrazione, per la presenza di oggetti particolari (come il sacro Torlon) oppure solo in periodo di plenilunio.

L’unico elemento comune a tutti i mannari è la mutazione causata da violente emozioni, come l’ira o il dolore, in questi casi l’istinto di conservazione del mannaro lo porta a mutare nella forma crinos (la forma più potente del mannaro) se presente, oppure nella forma animale. Queste emozioni violente possono, anche contro la volontà del mannaro stesso, innescare il processo di mutazione che lo porterà ad assumere la forma nella quale il mannaro è nato. Infatti i mannari possono nascere in una delle tre forme principali, che sono poi le forme di mutazione della stirpe licantropa. La forma in cui si nasce dipende dai genitori che hanno procreato il mannaro, una unione mista, specialmente se è la madre a non essere mannara, produce un mannaro in forma umana, mentre nelle unioni tra mannari nascono generalmente cuccioli in forma crinos e, più raramente, in forma lupus.

Quindi, per maggiore chiarezza l’argomento verrà affrontato per singola stirpe.

Le varie tipologie di mutazione vengono denominate utilizzando i nomi presi dal GDR Werewolf per permettere a tutti di capire immediatamente in quale forma sia un mannaro oppure quale è la forma nella quale un mannaro sta mutando.

Queste sono le forme utilizzate:

HOMID la forma umanoide del mannaro

GLABRO un umanoide più alto e muscoloso della media con occhi gialli, molto peloso e tratti somatici vagamente simili a quelli di un lupo

CRINOS (al quale viene aggiunto il nominativo dell’animale di riferimento se diverso dal lupo, ad es. CRINOS-ORSO per i motacj plantigradi) la forma classica dei mannari, l’animale antropomorfo

HISPO un grosso animale che ha la capacità di camminare per brevissimi periodi su due zampe, una via di mezzo, appunto, tra la forma antropomorfa e la forma animale vera e propria.

LUPUS (oppure la denominazione dell’animale di riferimento se diverso dal lupo, ad es. ORSO per i motacj plantigradi) la forma animale, che può avere tutte le caratteristiche dell’animale di riferimento oppure può essere una forma di maggiori dimensioni dello stesso.

 

I LICANTROPI

I licantropi sono i primogeniti della razza e possiedono tre stadi di mutazione, la forma Homid, quella Crinos e quella Lupus.

I cuccioli sono incapaci di mutare volontariamente e sono soggetti solo alla mutazione in periodo di plenilunio oppure, come detto, a causa di violente emozioni.

Crescendo ed apprendendo dai licantropi più anziani le tecniche di concentrazione necessarie per poter innescare volontariamente la mutazione, con l’esperienza imparano a raggiungere il livello di concentrazione necessario alla mutazione più velocemente e con un dispendio minore di energie.

I licantropi adulti, grazie all’esperienza, hanno la capacità di innescare la mutazione immediatamente con un minimo dispendio di energie e sono in grado di resistere all’istinto di mutare durante il plenilunio, inoltre, grazie alle tecniche di concentrazione, sono capaci di passare dallo stadio homid a quello lupus (e viceversa) senza dover prima passare per la forma intermedia crinos.

 

I KHARDAN

I Khardan sono l’unica stirpe di mannari che può assumere tutti e 5 gli stadi mutativi e può mutare (con delle specifiche eccezioni) anche solo di propria volontà.

I Khardan sono anche gli unici che per passare da uno stadio all’altro sono obbligati a mutare prima negli stadi intermedi, ad esempio, per passare dallo stadio mutativo di Homid a quello di Hispo un Khardan deve prima passare attraverso gli stadi di Glabro e Crinos.

I Khardan hanno delle limitazioni alle mutazioni dipendenti dalle fasi lunari:

 

Luna crescente: i Khardan possono assumere a piacere le forme Homid, Glabro, Hispo e Lupus. NON quella Crinos.

Luna piena: i Khardan posso assumere a piacere TUTTE le forme, ma prediligono la forma Crinos.

Luna Calante: i Khardan possono assumere ESCLUSIVAMENTE le forme Homid e Glabro (Se si è nati come lupi si può assumere solo le forme Lupus e Hispo)

Luna Scura: i Khardan NON possono mutare e mantengono la forma in cui sono nati (Homid o Lupus).

I Khardan possono assumere la forma Crinos solo durante la luna piena oppure, come tutti i mannari, se si trovano in uno stato di forte ira ,detto -stato frenetico- (e i mannari, in generale, non sono proprio famosi per la loro calma).

Specifiche conseguenze  pero' sono individualbili al termine dello stato frenetico e al ritorno in forma Homid.

Proprio perchè la mutazione non è frutto di volontà ma indotta dall''esterno, lo spreco d'energia risulterà inequivocabilmente sproporzionato rispetto alla durata della mutazione stessa e decisamente superiore alla quantita di energia normalmente necessaria per sostenere la mutazione in condizioni tipo.

Anche la durata della mutazione sarà limitata, e dipenderà in parte dalla forza del mannaro e in parte dalla sua esperienza , che influirà sulla  sua capacita' di stabilizzare la mutazione stessa.

Per tutti questi motivi ,un khardan, dopo aver subito mutazione per stato frenetico ,avrà bisogno di un lungo periodo di riposo  per ritemprare il fisico.

La spossatezza , ovviamente, sarà percepibile solo alla conclusione dello stato frenetico stesso.

 

I LICAONI

I Licaoni ,razza aggressiva e guerriera, è quella che , volontariamente, meno sfrutta le mutazioni.

Sia in forma Homid che in forma Crinos il loro atteggiamento nei confronti della vita è lo stesso.

Se nella forma ibrida acquistano, ovviamente, maggiore sensibilità animale, e l'istinto domina, nella forma Homid non c'è una grossa predominanza della ragione umana; il loro carattere continua a essere aggressivo e violento, risultando i più irascibili tra tutti i mannari.

Un Licaone poco ragionerà sul suo stadio attuale se innervosito o stuzzicato.

Difficilmente avrebbe voglia, tempo e interesse a mutare in Crinos se , trovandosi in stadio Homid, dovesse capitare l'occasione di menar le mani , o peggio ancora.

La particolare propensione per le tecniche di guerra ravvicinate, corpo a corpo e uso di lame corte, ne fanno terribili guerrieri anche in forma Homid.

I Licaoni mutano a piacimento solo durante la luna piena, potendo scegliere quale stadio sostenere nei tre giorni di plenilunio. Leggi non scritte vogliono che comunque la forma Homid sia usata il meno possibile in questi periodi, proprio per rendere gloria alla Madre Korlann.

Durante il resto del mese invece i Licaoni perdono ogni possibilità di mutazione volontaria, "subendo" la mutazione solo se cadano in stadio frenetico (per grossa ira, ferite gravi che lo portino a ricercare lo stadio più resistente etc ..).

L'energia che si sprigiona in questo caso, non essendo la mutazione supportata dall'influsso lunare, genera nel licaone un grosso dispendio di energie, e tanto più lungo sarà il periodo di mutazione frenetica, tanto più il licaone dovrà successivamente isolarsi nella sua tana per riposare.

Una mutazione di un'ora comporta in regola un necessario riposo di almeno 10 ore.

Il logorio fisico (motivato dalla mancanza dell'azione lunare) risulta evidente dopo ogni stato frenetico ed è per questo quasi impossibile che un licaone riesca a mutare più volte nello stesso giorno.

 

I TREKIDNOO

I Trekidnoo spesso e volentieri vivono la loro vita non sapendo nemmeno di essere mannari, ma credendosi umani a tutti gli effetti, mentre la maggior parte delle volte scoprono la loro reale identità in età adulta avanzata. E solo dopo un apprendistato intenso riescono ad impossessarsi e a gestire appieno le capacità di mutazione CRINOS e LUPUS. Per i cuccioli, invece, l'avvento della luna piena genera in loro un leggero stato frenetico, rendendoli poco ragionevoli. L'animalità in questi 3 giorni , per i cuccioli che ancora non hanno appreso appieno le tecniche di mutazione, e che non riescono volontariamente a scegliere lo stadio in cui vivere il plenilunio, è molto forte, e proprio per questo motivo, la paura che inevitabilmente li prende per colpa di questa nuova vita che gli nasce dentro, contro la loro volontà, li rende aggressivi e violenti contro ogni cosa, situazione e persona che in quel momento loro reputino come un probabile pericolo.
Altra caratteristica ben più pericolosa, è il folle mutamento che subiscono nelle notti di luna NERA una volta vicini al TORLON (la sacra reliquia dei mannari, la zanna del fondatore della razza), da umani a crinos, perdendo ogni capacità di controllo su se stessi, e alle dipendenze delle volontà di colui che porta con se la zanna.

Questo mutamento ovviamente avviene sia per i trekidnoo "consapevoli" che per coloro che pensano di essere umani, non essendo dettato dalla loro volontà. Ovviamente sono riconosciuti come mannari solo ed esclusivamente Trekidnoo consapevoli che abbiano già affrontato la loro prima mutazione.

 

I MOTACJ

·         PLANTIGRADI – ORSI (unica stirpe attualmente riconosciuta)

I mannari motacj Orso sono una stirpe guerriera che sfrutta appieno la mutazione in stato di frenesia.

Subiscono meno delle altre stirpi mannare l'influsso lunare e hanno un solo stadio di mutazione, quello Ibrido, altrimenti detto Crinos-Orso.

I Motacj nella forma Orso non possono parlare e spesso non comprendono nemmeno le parole che sentono, in quanto lo stato frenetico riduce notevolmente le capacità razionali del Motacj.

In genere gli Orsi Motacj non sono consapevoli di essere tali fino a quando non subiscono una mutazione dovuta ad un forte stato di Ira, ferite particolarmente dolorose o di affaticamento dovuto a combattimenti cruenti; la prima mutazione in genere avviene comunque non prima dei 20 anni di età, ma vi sono stati casi di mutazioni spontanee anche verso i 15 anni. Se la mutazione spontanea arriva già verso i 15 anni di età si tratterà di esemplare con caratteristiche eccezionali dal punto di vista della velocità e capacità di mutazione.

Esistono due modi distinti attraverso i quali un Mannaro Motacj può mutare, a causa di un forte stato iroso o di dolore violento , oppure grazie alla concentrazione.

Nel primo caso l'orso Motacj muterà assumendo uno stato frenetico, tenderà a non capire più nulla e a non riconoscere chi lo circonda cercando solamente di uccidere la persona che ne ha provocato l’ira.

Nel secondo caso la mutazione avviene solo grazie a stati di grande concentrazione e talvolta anche con l'aiuto di altri mannari. Questo metodo e' poco utilizzato dalla maggior parte degli Orsi Motacj poichè richiede un grande sforzo mentale e solo pochi eletti o qualche anziano possono riuscirvi.

Per mutare la prima volta non spontaneamente, il giovane Orso Mannaro deve essere seguito costantemente e superare prove molto difficili che lo porteranno, se in grado di superarle, a conoscere ciò che nel gergo degli Orsi Mannari è chiamato "l'Estremo Segreto", cioè la mutazione.

La mutazione richiede comunque un grosso dispendio di energie e per loro e' difficile se non impossibile superare le due mutazioni al giorno . Oltretutto le mutazioni stesse devono essere necessariamente intervallate da un periodo di tempo minimo (variabile a seconda delle dimensioni dell'orso, della sua anzianita' e dalla durata dello stato frenetico precedente, ma mai inferiore all 4-5 ore) necessario a recuperare le energie spese.

La massa e la potenza degli orsi motacj li rende dei formidabili combattenti, infatti sono i mannari più forti in assoluto ma i meno agili e veloci.

La loro indole e la loro stazza fisica fa si che siano considerati guerrieri  temibili anche in forma Homid.

 

 

 

Sono in tanti proprio come noi XD

Commenti: 0